sabato 19 gennaio 2008

Amarcord di cose mie

Durante la mia adolescenza da nerd di prima categoria, le montagne bassosulcitane che circondavano la bucolica dimora dei miei genitori impedivano l'arrivo del segnale di Mtv.
Niente "I Want My Mtv".
Talvolta veniva trasmesso sulle frequenze di Telegamma ma erano evenienze più uniche che rare.
Di Tmc2 manco a parlarne.
Mio padre, notando la pulsione mia e della Lil'Sista verso i videoclip, acquistò una parabola col telecomandino che "Fa vedere la musica di tutto il mondo bambine!". Ora, pervase dalla gioia, io e la Lil'Sista scartammo i canali di musica religiosa, quelli col mujaheddin+camera fissa sulla moschea, quelli di video indiani dell'India (però io quelli, di nascosto, li guardavo e tuttora non disdegno, mi ipnotizzano) e quelli di musica napoletana e approdammo colà dove avremmo gettato l'àncora durante gli anni teen: in Germania. Ebbene, trovammo un canale di nome "Viva Zwei" che era il figliolo "indie/rockettaro" del ben più mainstream "Viva".
Gioia e gaudio.
Mandavano video e trasmettevano programmi che soddisfavano, a seconda dell'orario le nostre pulsioni più spiccatamente metal, poi quelle trip-hop, poi noise, poi hard rock cafone, poi grunge, poi punk eccetera eccetera (abbiamo avuto le fasi, sì, embè?). Inoltre i tedeschi non censuravano nulla per cui ci beccavamo tutte le explicit version.
Adoravamo Viva Zwei (quasi svenni quando trasmisero un concerto di Mike Patton a Francoforte, mi pare, in cui faceva rumori su rumori su rumori e io lo guardavo innamorata) ed eravamo devote ai suoi Vj (moderatoren!), da Marcus Kavka a Rocco Clein (che, a quanto apprendo, è morto nel 2004. Era un figo. Riposi in pace.) e Lil'Sista si era invaghita (nemmeno tanto segretamente) di Ill-Young Kim. Entrambe però concordavamo sulla supremazia di Charlotte Grace Roche (una folle, che la metà bastava, col logo di "Viva Zwei" tatuato sul braccio) delle quali teutoniche parole, come di quelle degli altri, a meno che non intervistasse ospiti anglofoni, non capivamo un beneamato ma la stimavamo e le siamo debitrici a livello di background. Go Charlotte Go!
Viva Zwei così come la ricordavamo non esiste più da un pò di anni.
E dove c'era l'erba ora c'è una città-ah-ah-ah-ah-ah.
Sospirone.

Nessun commento: